Mario Botta - Architetture 1960-2010 al Mart di Rovereto

E20
In mostra i grandi progetti dell'archistar ticinese

Rovereto (TN)  - A quasi otto anni dall’inaugurazione della grande sede del Mart a Rovereto, la cui nuova e accogliente architettura ha ospitato un’intensa serie di stagioni espositive, il museo rende omaggio al suo ideatore, l’architetto Mario Botta, autore del progetto con la collaborazione dell’ingegnere Giulio Andreolli.

La mostra documenta le opere più significative realizzate da Botta, nato a Mendrisio nel 1943 e laureato a Venezia, in tanti anni di fortunata attività professionale: dalle prime case unifamiliari, originali espressioni della scuola ticinese, fino ai grandi edifici pubblici, biblioteche, teatri, musei, chiese e sinagoghe, realizzati in tutto il mondo. L’itinerario architettonico di Mario Botta, che trova le proprie origini nell’interpretazione della tradizione del Movimento Moderno e prosegue negli anni senza cedimenti su questa linea, si configura oggi come “ragione critica” rispetto alla fragilità dei modelli e delle mode offerte dalla globalizzazione.

Nel suo studio di Lugano, l’architetto ticinese progetta edifici che trovano la propria ragione d’essere nella consapevolezza di interpretare la sensibilità della cultura contemporanea e nel contempo evocare quel territorio di storia e di memoria che costituisce il vero patrimonio dell’identità dell’architettura europea. Presente e passato convivono dentro un linguaggio figurativo fatto di geometrie e materiali, senza ombra di nostalgie storiciste o velleità tecnologiche. L’architettura ritrova così la propria vocazione primitiva di forma essenziale che modella lo spazio di vita dell’uomo e che, rispettando le funzioni alle quali deve rispondere, aspira ad offrire inedite emozioni. In mostra si possono studiare e ammirare circa 60 progetti di edifici realizzati, documentati con schizzi e modelli originali, fotografie e disegni inediti attraverso un originale percorso espositivo organizzato in dodici sezioni: dagli Incontri che rappresentano una vera e propria introduzione alla mostra, con suggestioni e memorie di artisti e opere che hanno lasciato un segno profondo nella formazione dell’architetto, fino ai progetti più recenti per i grandi spazi urbani.
L’ultima sezione è, infine, dedicata alle creazioni di oggetti di design e ai progetti di allestimento degli interni.

Dal 25 settembre 2010 al 23 gennaio 2011

MART, Corso Angelo Bettini 43 - Rovereto (TN)

Mario Botta - Architetture 1960-2010

A cura di Studio Mario Botta, Lugano

Vernissage: venerdì 24 settembre 2010, alle ore 18:00

Orario: da martedì a domenica 10-18 venerdì 10-21, lunedì chiuso

Biglietti: intero: euro 10, ridotto: euro 7, gratuito fino a 18 anni e sopra i 65, scolaresche: euro 1 per studente
biglietto famiglia (valido per tutti i componenti di un nucleo famigliare): euro 20, gratuito per gli Amici del Museo

Info: tel. 0464438887
info@mart.trento.it
www.mart.trento.it

Nelle immagini Mario Botta - Casa rotonda a Stabio, Svizzera (1980-1982). Foto Pino Musi
Mario Botta -
Sedia Quinta (1985). Photo © Aldo Ballo
Mario Botta -
Mediateca a Villeurbanne, Francia (1984-1988) Foto Pino Musi