150 anni in viaggio con i poeti

Mercoledì 6 aprile 2011, ore 21.00

150 anni in viaggio con i poeti

con
Simona Nobili – voce recitante
Davide Rondoni – voce narrante
e
Maurizio Camardi Small Ensemble
Maurizio Camardi – sassofoni, duduk, flauti
Giuliano Disarò – tastiere, elettronica

Ci sono molti modi per celebrare il 150° anniversario dell’Unità d’Italia; tra le possibili narrazioni quella meno retorica e al tempo stesso quella più simbolicamente evocativa è data dalla poesia. La poesia ha dapprima percorso e poi accompagnato il processo di costruzione dello Stato-Nazione e con le parole della poesia, oggi, si può tentare di raccontare il carattere poliedrico del nostro Paese, la sua grande e irriducibile complessità culturale.
Ecco allora un "concerto" di poesia per l'Italia, voce di libertà del profondo. Simona Nobili, Davide Rondoni e il Maurizio Camardi Ensemble condurranno gli spettatori in un viaggio di stupore antico e nuovo.
Il viaggio in Italia con la voce dei poeti è un omaggio – tra incanto e dolore, tra patema e bellezza – per una patria del cuore e del ritmo. Dalle sue origini e in tutti i suoi rinnovi, la poesia ha guardato all'Italia, terra che ha dato nascita, lingua e ispirazione alla grande poesia di tutti i tempi e di tutte le nazioni. Nello sguardo di poeti del passato e vicinissimi a noi possiamo scoprire il volto segreto del luogo chiamato Italia e così indicato, come un rimpianto e come un'aspirazione, dai poeti di ogni genere.
Da Dante a Leopardi, da Manzoni a D'Annunzio, fino a Ungaretti, Pasolini, Luzi e i contemporanei, il viaggio della poesia in Italia è forse il modo più autentico per risentire il privilegio di essere nati qui, e la tremenda responsabilità.
Un "concerto" di poesia per l'Italia attraverso la voce della poesia, che è il contrario della retorica ed è sempre voce di libertà del profondo.

Simona Nobili vive e lavora a Roma dove ha conseguito il diploma di recitazione alla Scuola di Teatro “La Scaletta”; ha seguito vari seminari di recitazione e partecipato a numerose produzioni teatrali. Il suo ultimo film al cinema è “Vincere” di Marco Bellocchio, in concorso alla 62ma edizione del Festival di Cannes, nel ruolo della “Madre Superiora” del manicomio dove venne internata Ida Dalser, la prima moglie di Mussolini, interpretata da Giovanna Mezzogiorno. Nel 2008 ha interpretato “Dalida” nel film “Adius” di Ezio Alovisi presentato a Venezia 2008 nella sezione “Giornata degli Autori”. Nel 2006 è la coprotagonista “Maddalena Baiocco” nel film “Il regista di matrimoni” di Marco Bellocchio, presentato nella sezione Un Certain Regard al 59mo Festival di Cannes. Ancora per Marco Bellocchio come protagonista in la “Cavallina Storna” e “La famiglia del vampiro” due cortometraggi da lui diretti. Sempre nel 2006 è nel cast de “La sconosciuta” diretto da Giuseppe Tornatore. In televisione ha sperimentato la lunga serialità nella fiction di Rai 3 “La squadra 7” interpretando “Silvia Masullo” e nel film per la televisione di Rai Uno “Altre storie per il commissario Vivaldi” per la regia di Luciano Odorisio. Ha partecipato a numerosi recital di poesia, di recente al Festival “Dante09” a Ravenna, sotto la direzione artistica di Davide Rondoni, recitando insieme ad Anna Galiena nella prestigiosa serata d’apertura della manifestazione. Nel 2010 è direttore artistico della rassegna “Da una stanza all’altra”: due serate di poesia, musica ed installazioni fotografiche rappresentate nell’ambito del Reale Festival di Rieti con grande successo di critica e pubblico.

Davide Rondoni è laureato in letteratura italiana all'Università di Bologna con Ezio Raimondi. E’ poeta, scrittore, editorialista di Avvenire, de Il Tempo e de Il Sole24 ore. Ha fondato e dirige il Centro di Poesia Contemporanea dell'Università di Bologna e dirige la rivista "clanDestino".
Ha tenuto e tiene corsi di poesia e di letteratura negli atenei di Bologna, Milano Cattolica, Genova, Iulm nonché all'estero all'Università di Yale e alla Columbia University americane.
Ha pubblicato alcuni volumi di poesia, tra cui “Il bar del tempo” (uscito per Guanda nel gennaio '99) e “Avrebbe amato chiunque” con i quali ha vinto, tra gli altri, i premi più importanti in Italia (tra cui Montale, Carducci, Gatto, Ovidio, Camaiore, Metauro), oltre a “Apocalisse amore” (Mondadori, Giugno 2008). Ha scritto diverse raccolte di poesia, pubblicate in Italia, nei principali Paesi europei, ed anche negli Stati Uniti. Autore di testi teatrali e di trasmissioni televisive di letteratura, ha tradotto Rimbaud, Baudelaire, Pèguy e curato una versione dei Salmi (Marietti, 1999). E' presente nelle più importanti antologie di poesia italiana del secondo Novecento edite da Mondatori (a c. Cucchi e Giovanardi) e da Rizzoli (a c. Piccini) e in numerose altre. Sue poesie sono edite in volume o in rivista in Francia, Usa, Venezuela, Russia, Inghilterra, Croazia, Cina e altri paesi. Cura le collane di poesia de Il saggiatore e di Marietti. E’ direttore artistico del festival Dante09 a Ravenna.

Maurizio Camardi suona vari sassofoni e flauti etnici. E' un esponente del jazz veneto da una ventina d'anni e si occupa anche della direzione artistica di importanti rassegne (tra cui “Storie di Jazz a Padova”). Insieme al musicologo Roberto Favaro ha fondato nel 1986 la Scuola di Musica “George Gershwin” di Padova di cui è il direttore.
In questi anni ha avuto modo di collaborare, in ambito jazzistico, con Paolo Fresu, Stefano Battaglia, Enrico Rava, Claudio Fasoli, Patrizio Fariselli, Paolino Dalla Porta mentre nel campo della musica d’autore si è esibito con Ricky Gianco e Gualtiero Bertelli e inoltre con il rimpianto bluesman Cooper Terry.
Ha suonato, oltre che in Italia, in Jugoslavia, Nicaragua, Svizzera, Ecuador, Slovenia, Stati Uniti, Repubblica Araba Saharawi Democratica. Ha viaggiato e suonato in questi paesi incontrando la loro storia, cercando l’intersezione tra la sua musica e le musiche di questi territori. Dal 2000 si occupa di musiche per teatro, collaborando con vari autori tra i quali Massimo Carlotto, Carlo Lucarelli, Gian Antonio Stella, Stefano Tassinari e con gli attori Ivano Marescotti, Ottavia Piccolo, Moni Ovadia, Bebo Storti, Lella Costa, Pamela Villoresi, Alessandro Haber. Ha al suo attivo sei CD a proprio nome – “In alto mare” (Caligola Records), “…nostra patria è il mondo intero” (Il Manifesto), “La frontiera scomparsa” (Il Manifesto), “Impronte” (Il Manifesto-Caligola Records), “Energie Positive” (Blue Serge) e “Cristiani di Allah” (Blue Serge) – e numerose altre collaborazioni discografiche.

Scheda Evento

Location:
Centro Culturale Altinate/San Gaetano, via Altinate 71 - PADOVA
Contatto:
Gershwin Spettacoli
Tel.:
049/8073980