Carnia cento anni dopo: cinquanta scatti di Giovanni Antonio Spinotti in mostra a Ovaro

Deep Focus
Inaugurazione sabato 4 agosto nella Sala Consiliare del Municipio. A Dante Spinotti sarà conferita dal Comune la cittadinanza onoraria

Ovaro (UD) - Inaugura nella Sala Consiliare di Ovaro, sabato 4 agosto alle 18, la mostra Carnia cento anni dopo, curata dal carnico di Hollywood Dante Spinotti, il noto direttore della fotografia, che mostra comprende oltre cinquanta scatti inediti del suo prozio Giovanni Antonio Spinotti. Nel corso della cerimonia inaugurale il Comune di Ovaro conferirà a Dante Spinotti la cittadinanza onoraria.

Le immagini esposte sono state realizzate nei primi vent’anni del Novecento, alcune forse a fine Ottocento. Come spiega lo stesso Dante Spinotti nella presentazione, la collezione originale di circa 300 lastre in vetro, ben
conservata nella casa di famiglia a Muina di Ovaro, è stata trasferita tre anni fa – con l'aiuto di Paolo Sacco,
presidente della Cooperativa Guarnerio di Udine – su file digitali ad alta qualità. Spinotti ha quindi selezionato 55
fotografie, che ha stampato in formato 35x45 cm dopo una laboriosa operazione di restauro e ritocco durata un paio di mesi: ore di lavoro e di attenta osservazione che hanno reso ancora più acuta l’impressione di avere fra le mani una cosa preziosa, un documento storico di straordinario valore.

Giovanni Antonio Spinotti, alle prese con una tecnica allora nuova e con macchine non facilmente manovrabili,
dimostra sempre un grande rispetto per i suoi soggetti e il senso di cosa fosse importante fotografare. Per
l’esposizione, Dante Spinotti ha scelto ritratti di donne, uomini, famiglie, immagini del mondo del lavoro, soldati e paesaggi ampi e spettacolari, tutte fotografie della Carnia, realizzate in grande maggioranza nel comune di Ovaro.
L’intento dichiarato – come sottolinea il titolo della mostra – non è l’illustrazione di un pittoresco e romantico
passato ma piuttosto il coinvolgimento dello spettatore odierno in una riflessione sui cambiamenti intervenuti in
Carnia in questi cento anni, nel paesaggio, negli stili di vita, nel rapporto col territorio. Una riflessione
stimolata dall’accostamento ai paesaggi di ieri di alcune fotografie di oggi, scattate da Dante Spinotti dallo stesso punto in cui Giovanni Antonio aveva posizionato la sua macchina fotografica.

Su questa idea si inserisce un'altra parte dell’evento carnico, indipendente e insieme legata alla mostra, ovvero il
concorso fotografico Carnia oggi. Testimonianze intitolato a Luigi Gardel, fotografo di Ovaro e della vallata per
più di quarant’anni, morto improvvisamente il 1° gennaio scorso. Si tratta di un invito aperto a chi, fotografo o
meno (puo' bastare il telefonino) vuole aggiungere la propria testimonianza sulla Carnia di oggi. I partecipanti sono invitati a presentare una o più fotografie stampate su un formato di almeno 18x24 cm accompagnate da un commento scritto. I lavori selezionati verranno raccolti nella Sala Consiliare prima e per tutta la durata della mostra, rendendola così attiva e aperta alle idee più attuali e diverse. Il regolamento del concorso è scaricabile dal sito del Comune di Ovaro.

Dal 4 agosto all'8 settembre 2012

Sala Consiliare - Ovaro (UD)

Giovanni Antonio Spinotti - Carnia cento anni dopo

A cura di Dante Spinotti

Vernissage: sabato 4 agosto, alle ore 18:00. Nel corso della cerimonia inaugurale il Comune di Ovaro conferirà a Dante Spinotti la cittadinanza onoraria

Orario: lunedì-venerdì 17-19; sabato e domenica 10.30-12.30 e 17-19

La mostra è organizzata dal Comune di Ovaro in collaborazione con il Circolo Culturale Fotografico Carnico di Tolmezzo

Info: La Cineteca del Friuli
Tel.0432 980458
info@cinetecadelfriuli.org
www.cinetecadelfriuli.org